Questo sito utilizza i cookies per le proprie funzionalità. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookies.Ho Capito! Autorizza e Continua! Se vuoi saperne di più clicca qui.

Magnifica Comunità
di Fiemme

Il Palazzo, Museo Pinacoteca

Magnifica Comunità
di Fiemme

Il Palazzo, Museo Pinacoteca

Storia

Anno 1803: formazione della Comunità attuale

Per delineare sinteticamente le caratteristiche della Comunità attuale, è necessario innanzitutto fissare una data, che ci distingua nettamente quello che essa è oggi, e da circa due secoli a questa parte, e quello che era prima. La data è l'anno 1803, anno in cui l'imperatore d'Austria Francesco II, in seguito alla pace di Luneville, prese formalmente possesso del principato vescovile di Trento di cui la Comunità di Fiemme faceva parte e dal cui principe era infeudata. Improvvisamente alla Comunità venne a mancare il riferimento politico da cui era dipesa per secoli; ma all'amministrazione austriaca mancavano gli strumenti giuridici per inserire un ente come la Comunità di Fiemme nel proprio ordinamento; tant'è vero che per decenni non è stata chiarita la differenza tra la Comune come si diceva allora e la Comunità, tradotti ambedue col tedesco Gemeinde (femminile). In questo vuoto di potere, durante il quale allo Stato Austriaco succedette quello Bavarese dal 1807 al 1809 (sollevazione di Andreas Hofer), poi il Regno Italico istituito da Napoleone dal 1810 al 1813 e infine l'Impero asburgico, la Comunità di Fiemme dovette autogestirsi, sotto il rigido controllo dell'amministrazione statale, s'intende, ma trovando solo al suo interno le regole per farlo.